Sopracciglia: matita Dior vs Ka-Brow di Benefit

Da ormai qualche anno, complice, fra tutte, Cara Delevingne (ma anche Rita Ora e molte altre!) il trend delle sopracciglia folte ha preso piede più o meno in ogni parte del globo, e non sembra volersene andare.
Ha, ovviamente, contagiato anche la sottoscritta e, anche quando mi sono fatta bionda, non ho voluto schiarirle nemmeno un po’, creando così un forte contrasto.

kabrowdior

Dalla foto i colori sembrano uguali, ma la matita di Dior (Sourcils Poudre) è più scura!
L’ho usata per due anni credendo fosse il prodotto migliore per me, fino a quest’estate, quando è uscita la nuova pomata Ka-Brow della Benefit Cosmetics ed è stata la rivoluzione.
E non solo per me, visto che il mondo beauty è impazzito per questo prodotto!
Provando a riusare la matita dopo qualche mese, l’altro giorno ho trovato dei piccoli difetti che forse non volevo vedere perché venero qualsiasi cosa esca dalla Maison francese, ma ho capito che, pur essendo un ottimo prodotto, non è quello adatto a me.

Ha una forte scrivenza, e fa un effetto troppo finto e marcato sulle mie sopracciglia.
Fino a quando ero castana comunque non si notava tanto, ma da quando mi sono fatta bionda, invece sì, e sembravano più disegnate di quello che in realtà erano.
In più, il colore (il 453 Chatain), nonostante sia più freddo degli altri, è comunque troppo caldo per i miei gusti, per il mio sottotono e per i miei capelli.
In realtà mi piaceva, e non mi sembrava nemmeno COSI’ caldo, ma dopo aver usato il Ka-Brow, decisamente più freddo, mi sono accorta che mi stava meglio.
La tenuta è ottima, dura come appena messa fino a quando non ci si strucca, quest’estate però (ma non l’estate scorsa) ho notato che, all’inizio proprio delle sopracciglia, mi si scioglieva un po’ il prodotto, sacrilegio!!

Quello che invece mi faceva paura del Ka-Brow era proprio la durata: essendo una pomata, avevo paura durasse meno, nonostante la dicitura “waterproof”.
Invece eccome se dura!
Tra l’altro, è molto comoda da usare perché ha il pennellino incorporato, cosa tutt’altro che scontata.
Per quanto riguarda il colore, ho preso il 3 sotto consiglio del commesso Benefit. Io che mi fido quasi esclusivamente solo di me stessa, stavolta mi sono lasciata convincere, e menomale!
Avrei altrimenti preso il 4, che indossato è addirittura più scuro della matita di Dior.
Il 3 invece è perfetto, sempre più scuro dei capelli ma non troppo, e freddo (il giusto, per evitare l’effetto grigio topo).
Inoltre, il tratto è più morbido della matita ed è più facile da sfumare. L’effetto è super iper naturale, ed è la cosa che mi piace di più!

Ecco l’evoluzione:
L’anno scorso, castana e matita Dior


Quest’anno, bionda e matita Dior


Settimana scorsa, bionda e Ka-Brow

Direi che la differenza si vede eccome.
In sintesi, ho trovato il mio prodotto perfetto. Ye!

(Faccio notare anche quanto sono cresciuti i miei capelli in un solo anno, pur avendoli tagliati più volte!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...