Quando la (non) preparazione per un esame ti fonde definitivamente il cervello.

Ma io dico, risparmiarsi guerre mondiali, fredde e stermini vari in modo da far vivere serenamente gli studenti, no?
Alle 7 di stamattina ero così.
Peccato che siano le 12.33 e io non abbia ancora aperto libro da quando sono sveglia (e tendenzialmente da tutta la vita).

Non so come mi saltino in testa certe idee, ma io venerdì ho deciso di dare un esame domani. Un esame lungo, difficile, che in pochissimi passano, che bisogna studiare tutto e perfettamente, e poi la storia, io, l’ho sempre odiata.
Ma sono fortemente convinta di esser stata particolarmente fuori di me, venerdì. Da Biancolatte, oltre alla panna, nel caffè devono averci messo qualche stimolante, eccitante, che già di mio sono esuberante come una lattina di coca con mentos, ci mancava pure questo.
Fuoriditestaismo verificabile dal fatto che venerdì mi sono fatta non una, ma ben due foto. E io odio farmi foto. (A differenza di quanto si possa pensare andando sul mio profilo di instagram, che delle ultime sei foto, cinque sono della mia faccia.)
944675_10201261628204147_971570878_n 971758_10201262873715284_556032911_n
Nella prima ho aggiunto giusto quei quindici filtri per nascondermi (tentativo fallito miseramente), nell’altra ho detto, vabbè, la bruttezza si giustifica dall’idiozia della faccia.

Detto ciò, ho bisogno di caffè.

(Però quegli occhiali sono fighissimi. Ammettetelo.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...