Poi ti ritrovi al tavolo con uno che mesi fa ti sembrava diverso, o forse ci speravi solo, così, perché non ricordi neanche più com’è, fidarsi del genere umano.
E lui non solo si è rivelato come tutti gli altri, ma si è dimostrato anche peggio.
(Insomma, sempre la solita storia.)

Argomento del minuto: quello che mi scopavo, quello con il doppio della mia età, quello là che boh, voi uomini più crescete più regredite.
“Ma, vedi, a noi uomini piace tenere il piede in più scarpe, non diciamo mai addio.”
(Vantiamocene, dai, io ce l’ho più lungo.)
“Già. Siete dei codardi senza palle.” Detto con tono di sfida, fissandolo, dato che mi stavo riferendo anche a lui.
Ho pensato che magari si riuscisse anche a discutere del perché mi riferissi a lui. Sono una donna, agli uomini piace nascondere, a noi piace parlare.
E invece lui era perso in chissà quali pensieri, fissando la porta della toilette.

Non penso ci vedremo più.

2 risposte a “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...