L’innocenza del neo diplomato.

Oggi in biblioteca, mentre ero fuori che facevo pausa (da quando ho iniziato l’università la mia vita è un’infinita ed interminabile pausa, ma comunque), al tavolo accanto al mio c’erano due neo diplomati che parlavano del loro futuro.
Uno vuole fare economia, ma dice che la Bocconi non gli ha fatto una bella impressione.
Contando che di questi tempi il nome è tutto, il nostro neo diplomato non dispone di abbastanza cash.
Dice che lui vuole frequentare tutto. Vuole imparare, vuole mettere la testa a posto, poi l’università è un ambiente nuovo.
Sorrido. Un po’ rido anche.

Quanto mi manca quell’innocenza, quell’ingenuità.
Fondamentalmente tanto quanto mi manca quell’estate tra liceo e università in cui ho fatto meno di niente e avevo tutto. Amici, mare, sesso.
Non mi mancava niente.
Eppure ho deciso di complicarmi la vita iscrivendomi all’università.
Vammi a capire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...